Esame di Stato


Il Documento del 15 maggio è un documento che diventa, per la Commissione esaminatrice dell’Esame di Stato, orientamento e vincolo nel momento in cui deve definire struttura e testo della terza prova scritta (Art. 5, c. 3) e per definire i criteri per la conduzione del colloquio (Art. 4, c.5 – Art. 5, c. 7).
Assume una funzione nuova rispetto alla tradizionale relazione di presentazione della classe perché permette di selezionare informazioni mirate che offrano gli elementi indispensabili al lavoro della Commissione.
Il riferimento normativo è il Decreto del Presidente della Repubblica n. 323 del 1998, concernente il Regolamento per gli Esami di Maturità.
In base al DPR 323/98, il “DOCUMENTO DEL 15 MAGGIO” esplicita i contenuti, i metodi, i mezzi, gli spazi ed i tempi del percorso formativo, nonché i criteri, gli strumenti di valutazione adottati e gli obiettivi raggiunti.
Il documento deve essere in sintonia con quanto prevede l’art.5 comma 2 del DPR n.323/1998, come citato nell’art.6 comma 1 dell’OM n.257/2017 e che riportiamo di seguito:
“Le caratteristiche formali generali della terza prova scritta sono stabilite con decreto del Ministro della pubblica istruzione. Il testo relativo alla predetta prova è predisposto dalla commissione di esame. La relativa formulazione deve essere coerente con l’azione educativa e didattica realizzata nell’ultimo anno di corso. A tal fine, i consigli di classe, entro il 15 maggio elaborano per la commissione di esame un apposito documento che esplicita i contenuti, i metodi, i mezzi, gli spazi ed i tempi del percorso formativo, nonché i criteri, gli strumenti di valutazione adottati e gli obiettivi raggiunti. Esso è immediatamente affisso all’albo dell’istituto ed è consegnato in copia a ciascun candidato. Chiunque abbia interesse può estrarne copia”.


Corso Diurno

5A Audiovisivo
5B Audiovisivo
5C Audiovisivo
5D Audiovisivo
5E Audiovisivo
5H Audiovisivo
5FA Fotografi
5FB Fotografi
5L Liceo Artistico

Corso Serale

5A Audiovisivo
5F Fotografi